Testata iscritta al tribunale di Roma n. 129/2012 del 3/5/2012. ISSN: 2280-4188

Il Documento Digitale

NO ALLA PUBBLICAZIONE ONLINE DI INDIRIZZI E TELEFONI NELLE GRADUATORIE DEL PERSONALE SCOLASTICO

[toggle Title=”Garante della Privacy – Provvedimenti n. 274, 275 e 276 del 6 giugno 2013 (doc. web n. 2535862, 2536184, 2536409)”]Da un accertamento preliminare effettuato dal Garante sul sito web istituzionale di tre distinti Circoli Didattici è risultata ancora pubblicata la graduatoria di Istituto di personale Amministrativo, Tecnico e Ausiliario (ATA), concernente migliaia di interessati e contenente, rispetto a ciascuno, anche i campi relativi a codice fiscale, indirizzo e recapiti telefonici individuali. In tale occasione il Garante ha altresì verificato che le predette graduatorie erano indicizzate in rete tramite i più diffusi motori di ricerca (esterni ai siti web degli istituti scolastici), tramite l’inserimento di qualsiasi attributo individuale, come ad esempio le generalità degli interessati o i loro recapiti telefonici.[/toggle]

1. Premessa
Tra i principi e le regole generali applicabili a qualsiasi tipo di trattamento dei dati personali, sia esso effettuato da un soggetto pubblico o privato, particolare importanza assume il cosiddetto principio di proporzionalità – previsto nell’art. 11, comma 1, lett. d) del D. Lgs. 196/2003, in base al quale i dati personali oggetto di trattamento devono essere pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o successivamente trattati – il cui non rispetto determina l’illiceità del trattamento(1).

Il rispetto di tale principio che, è utile ricordarlo, deve riguardare qualunque operazione di trattamento di dati personali, effettuata con o senza l’utilizzo di strumenti elettronici, diventa particolarmente importante in tutti quei casi in cui le pubbliche amministrazioni devono, in attuazione di una norma di legge o di regolamento, pubblicare atti o provvedimenti per finalità legali o di trasparenza. Nel caso che gli atti o i provvedimenti da pubblicare contengano dati personali, tale pubblicazione rappresenta, infatti, un’operazione di diffusione degli stessi(2), suscettibile di recare pregiudizio alla riservatezza individuale e di incrementare il rischio di abusi.
Pur considerando che il mancato rispetto del predetto principio rappresentava comunque una lesione della dignità e del diritto alla riservatezza degli interessati, anche quando la pubblicazione degli atti e dei provvedimenti avveniva con modalità cartacea negli albi delle singole pubbliche amministrazioni, è evidente come a seguito dell’entrata in vigore delle norme che obbligano le stesse ad effettuare la pubblicazione sui propri siti web istituzionali(3), la possibilità di ledere il diritto alla protezione dei dati personali sia aumentata sensibilmente tanto da rappresentare un effettivo rischio di abusi con riferimento in particolare al fenomeno del cosiddetto furto d’identità.

Proprio in considerazione di questi maggiori rischi, insiti nella pubblicazione online di atti e provvedimenti da parte delle pubbliche amministrazioni, il Garante per la protezione dei dati personali ha ritenuto opportuno intervenire con due proprie deliberazioni: la n. 17 del 19/04/2007 “Internet: sui siti di comuni e province trasparenza, ma con dati personali indispensabili”, rivolta specificatamente agli enti locali e la n. 88 del 02/03/2011 “Linee guida in materia di trattamento di dati personali contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato da soggetti pubblici per finalità di pubblicazione e diffusione sul web”, resasi necessaria anche a seguito dell’entrata in vigore dall’1/1/2011 del nuovo obbligo per le pubbliche amministrazioni di pubblicità legale online.

…continua su EDICOLeA

[fancy_heading style=”style2″ size=”small”]Altri articoli di Franco Cardin[/fancy_heading]

Translate »