Testata iscritta al tribunale di Roma n. 129/2012 del 3/5/2012. ISSN: 2280-4188

Il Documento Digitale

Carlo MAUCELI

Carlo_Mauceli_3L’ing. Carlo MAUCELI è National Digital Officer della filiale italiana di Microsoft, con la responsabilità di promuovere l’innovazione del Paese, gestendo i rapporti con le government élites, i leader accademici e i decisori pubblici e contribuendo alla definizione di una politica tecnologica funzionale alla digitalizzazione del territorio.

A diretto riporto dell’Amministratore Delegato Carlo Purassanta, Carlo Mauceli ha l’obiettivo di supportare le istituzioni e gli enti governativi a livello centrale e locale nelle loro scelte strategiche in materia di ICT, assicurando la perfetta coerenza di queste con le linee guida e le priorità dell’Agenda Digitale del Paese. Il suo incarico rientra nel più ampio impegno di Microsoft per supportare l’innovazione del Paese attraverso un piano di sviluppo nazionale che punta su Pubblica Amministrazione, PMI e occupazione e formazione dei giovani.

In Microsoft dal 1998, Carlo Mauceli ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità. Negli ultimi quattro anni ha lavorato all’interno della divisione Enterprise e Partner in qualità di Enterprise Market Technology Sales Unit Director, guidando un team di specialisti di prodotto e di soluzione a supporto dei team di vendita, con l’obiettivo di aiutare le aziende pubbliche e private, ma anche i partner, a cogliere le opportunità offerte dalla roadmap tecnologica di Microsoft in ambito server e servizi, comunicazione integrata e collaborazione, Business Intelligence. In precedenza, dopo aver maturato competenze nel ruolo di consulente tenico, Carlo Mauceli è stato Responsabile della Divisione Infrastruttura per l’Italia, guidando un team di professionisti dedicati alla gestione e alla realizzazione dell’intero ciclo di vita dei progetti con l’obiettivo di rispondere con soluzioni ad hoc alle specifiche esigenze delle aziende.

Prima di entrare a far parte di Microsoft, Mauceli ha lavorato in una società IT, Tema Studio di Informatica, in qualità di Responsabile dell’area sistemistica con particolare focus in ambito Network, e in due aziende manifatturiere, ovvero Marelli Autronica, come LAN / WAN System Administrator, e Marconi Italiana Automazione e Controllo come progettista.

Classe 1960, Carlo Mauceli ha conseguito la Laurea in Ingegneria Elettronica – Bioingegneria presso il Politecnico di Milano nel 1986 e ha successivamente lavorato come insegnante di Matematica e Fisica presso l’Istituto Tecnico Mosè Bianchi di Monza.

 

 


Articoli pubblicati da MICROSOFT

windows-10-logo TELEMETRIA IN WINDOWS 10 -
di Carlo Mauceli (N. II_MMXVI)
“It’s not just simple mechanics, although there are big changes in terms of our development methodology, our deployment policy, our servicing. It’s much more fundamental than that. For us, it is about aligning our goals of successful Windows with customers and their experience and engagement with Windows. That’s what Windows-as-a-service means.” - Satya Nadella, Microsoft CEO, January 21, 2015
microsoft-logo-square LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NEL CLOUD -
di Bianca Del Genio (N. I_MMXVI)
Lo stato dell’arte della disciplina legale del cloud, dal Garante della Privacy italiano al Working party 29, con uno sguardo veloce al futuro che ci aspetta. Secondo lo studio dell’istituto Forrester Research, la spesa per i servizi cloud nel 2016 potrebbe raggiungere i 106 miliardi di dollari nel mondo, il che significa un aumento del 21% rispetto ai livelli di spesa registrati nel 2015. Lo studio del Computer World Forecast 2015 ha trovato che, ad oggi, le iniziative di cloud computing sono i progetti più importanti per la maggioranza dei dipartimenti IT.
microsoft-logo-square IL FURTO DI CREDENZIALI: MISURE DI PROTEZIONE E DETECTION -
di Andrea Piazza (N. IV_MMXV)
Nel furto di credenziali, l’attaccante cattura le credenziali di accesso da un sistema compromesso, e le riutilizza per accedere sulla rete a tutti i sistemi dove quelle credenziali sono valide. Esiste un principio che, se rispettato nell’ambito dei processi di amministrazione, aiuta a minimizzare questa tipologia di rischio: è il principio di evitare di esporre credenziali privilegiate su sistemi meno privilegiati e potenzialmente compromessi. Un utente privilegiato dovrebbe quindi evitare di compiere attività rischiose (come navigare o leggere la posta) dalla stessa postazione che usa per fare attività di amministrazione. Microsoft ha introdotto sul mercato nel 2015 la soluzione denominata Advanced Threat Analytics (ATA), che fornisce in modo semplice e veloce la possibilità di identificare le attività sospette di utenze e sistemi, e di fornire informazioni sulle minacce chiare e rilevanti su un timeline dell’attacco di facile lettura.
Translate »