Testata iscritta al tribunale di Roma n. 129/2012 del 3/5/2012. ISSN: 2280-4188

Il Documento Digitale

Michele MARTONI

michele_martoniMichele Martoni è avvocato, professore a contratto e assegnista di ricerca di “Informatica giuridica” presso la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, docente iscritto all’Albo della Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno per la materia Informatica giuridica.

Dottore di ricerca in “Informatica giuridica” e “Diritto dell’informatica” presso l’Università di Bologna. Docente al “Master in Diritto delle nuove tecnologie”, al Corso di Alta Formazione in eHealth presso lo stesso Ateneo, nonché al Dottorato internazionale Erasmus Mundus “Law, Science and Technology”.

Membro della Società Italiana di Informatica Giuridica (SIIG), della Società Italiana di Filosofia del Diritto (SIFD), della Associazione Nazionale Docenti di Informatica Giuridica (ANDIG), della Società Italiana di Telemedicina (SIT) e della Cloud Security Alliance Italy Chapter (CSA Italy). Svolge attività di ricerca presso il CIRSFID Università di Bologna. Autore di numerose pubblicazioni in materia di firme elettroniche, tutela dei dati personali, e-Health, e-Justice ed e-Government.

Per maggiori dettagli: www.michelemartoni.it; http://www.unibo.it/docenti/michele.martoni

 


Articoli pubblicati

privacy_shield IL TRASFERIMENTO DEI DATI PERSONALI NEGLI USA NEI SERVIZI DI CLOUD COMPUTING FRA SAFE HARBOR E PRIVACY SHIELD -
di Michele Martoni e Michela Rossi (N. II_MMXVI)
I servizi di cloud computing consentono di archiviare e gestire a distanza enormi quantità di dati. Tali servizi implicano il trasferimento dei dati nei server dei cloud provider che possono essere dislocati anche in paesi extraeuropei. Ciò comporta la conseguenza che l’utente potrebbe non conoscere l’esatta ubicazione dei propri dati. La problematica è di non poco conto tanto che già nel 2011 il Garante per la protezione dei dati personali ha ritenuto doveroso suggerire agli utenti di valutare con attenzione se utilizzare i servizi di cloud computing oppure mantenere in house il trattamento dei dati personali, soprattutto se questi per loro natura esigono l’adozione di particolari misure di sicurezza.
Translate »