Testata iscritta al tribunale di Roma n. 129/2012 del 3/5/2012. ISSN: 2280-4188

Il Documento Digitale

IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

di Franco Cardin e Graziano Garrisi

[toggle Title=”Parlamento Europeo – Commissione LIBE – votazione del 21 ottobre 2013″]La Commissione Libertà civili, giustizia e affari interni (LIBE) del Parlamento europeo ha votato il 21 ottobre 2013 gli emendamenti al testo della proposta di Regolamento (emendamenti artt. 1-29; emendamenti artt. 30-91) presentata dalla Commissione europea il 25 gennaio del 2012(1), dopo oltre 20 mesi di intenso dibattito nei quali sono stati presentati più di 3000 emendamenti. La proposta riguarda il nuovo “Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali e la libera circolazione di tali dati”.[/toggle]

1. Premessa
Pur considerando che la normativa internazionale, comunitaria e nazionale in materia di protezione dei dati personali si applica indipendentemente dalle modalità utilizzate per effettuare le diverse operazioni di trattamento degli stessi (siano esse cartacee o elettroniche), risulta particolarmente evidente come la sua introduzione e, soprattutto, la sua evoluzione nel tempo, sia stata determinata, tra le altre motivazioni legate alle necessità del mercato e alla libera circolazione delle informazioni, anche e soprattutto dal continuo e sempre più significativo utilizzo delle tecnologie informatiche – nell’ultimo decennio, anche telematiche – per la gestione dei dati personali dei propri utenti/clienti da parte dei soggetti pubblici e privati.

Nel preambolo della “Convenzione sulla protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati a carattere personale”, promulgata dal Consiglio d’Europa e firmata a Strasburgo il 28 gennaio 1981 – che può considerarsi il primo intervento di regolamentazione internazionale sull’utilizzo dei dati personali – è precisato, infatti, che la stessa si è resa opportuna anche “dall’intensificazione dei flussi internazionali di dati a carattere personale oggetto di elaborazione automatica”, intesa come “l’effettuazione di operazioni logiche e/o aritmetiche su tali dati, loro modificazione, cancellazione, estrazione o diffusione”.
Questa stessa motivazione sta alla base anche delle numerose raccomandazioni, predisposte nel corso degli anni dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, al fine di adeguare i principi generali contenuti nella predetta Convenzione 108 ai diversi settori di riferimento.

Lo stesso dicasi delle Direttive 95/46/CE e 2002/58/CE – che, come è noto, ha sostituito la 97/66/CE – del Parlamento europeo e del Consiglio, relative rispettivamente alla “tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati” e al “trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche”, nei cui considerandi si evidenzia che il positivo sviluppo transfrontaliero dei nuovi servizi che caratterizzano la società dell’informazione – utilizzati da un vasto pubblico e in grado di trattare enormi quantità di dati personali, quale ad esempio internet – dipende in parte dalla fiducia che essi riscuoteranno presso gli utenti in relazione alla loro capacità di tutelare la loro vita privata. In altre parole, se è vero che il sempre maggiore utilizzo di internet ha aperto nuove possibilità agli utenti di accedere a un’ampia serie di servizi, è altrettanto vero che esso comporta anche nuovi pericoli per i loro dati personali e la loro vita privata.
Proprio a partire da quest’ultima considerazione, e cioè l’opportunità di consentire il più ampio sviluppo dell’economia digitale nel mercato interno comunitario, garantendo nel contempo il rispetto del diritto fondamentale alla protezione dei dati personali, la Commissione europea ha presentato il 25 gennaio 2012 la proposta del “Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali e la libera circolazione di tali dati”, destinato a sostituire la già citata Direttiva 95/46/CE.

…continua su EDICOLeA

[fancy_heading style=”style2″ size=”small”]Altri articoli di Franco Cardin[/fancy_heading]

[fancy_heading style=”style2″ size=”small”]Altri articoli di Graziano Garrisi[/fancy_heading]

Translate »